Consiglio di Disciplina

Con la riforma delle professioni del D.P.R. 7 agosto 2012, n. 137 e le conseguenti disposizioni di legge che sono seguite sono stati fissati alcuni principi che hanno sollecitato una considerevole revisione delle norme deontologiche.

Il Codice deontologico è l’emanazione di norme di etica professionale che tutti gli iscritti all’Albo debbono conoscere, riconoscere ed osservare e si applica ai Professionisti iscritti all’Albo nell’esercizio a titolo individuale, associato o societario, dell’attività professionale libera o dipendente a presidio dei valori e interessi generali connessi all’esercizio professionale e nel rispetto dell’Art. 2233 Codice civile. Ogni professionista ha l’obbligo di osservare sia il testo che lo spirito del Codice deontologico nonché di ogni altra legge che governi l’esercizio della professione nel superiore interesse sociale. Le nuove norme deontologiche sono entrate in vigore il 1º gennaio 2014.

Il CNAPPC ha approvato con delibera del 16 novembre 2012 (B.U.R.15 dicembre 2012, °23) il “Regolamento per la designazione dei componenti i Consigli di disciplina dell’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori, a norma dell’articolo 8, comma 3, del Decreto del Presidente della Repubblica 7 agosto 2012, n. 137”.

L’Ordine degli Architetti P.P.C. di Reggio Emilia di concerto con l’Ordine degli Architetti P.P.C. di Parma ha avviato la procedura per la costituzione di un Consiglio di Disciplina interprovinciale come previsto dalla delibera n. 1155 del 26 novembre 2014 del CNAPPC che modifica l’art. 4, comma 12 del Regolamento sui Consigli di disciplina. La delibera del Consiglio dell’Ordine è la n. 25 del 17 marzo 2015.

Perché scegliere un architetto