Bilanci

L’Ordine effettua una Assemblea ordinaria ogni anno che coincide con la presentazione del Bilancio Consuntivo dell’esercizio precedente e del Bilancio Preventivo dell’anno in corso, entro la fine del mese di maggio. I bilanci di esercizio dal 2005 ad oggi sono pubblicati in questa sezione sezione nel sito.
 
REVISORE DEI CONTI
L’Ordine, così come la Fondazione, benché non sussista un obbligo specifico, da diversi anni ha sottoposto il controllo del proprio operato economico ad un professionista Revisore Unico dei Conti, nello specifico il Dott. Commercialista Vittorio Lusvarghi, con studio Quattro Castella (RE) in Via Di Vittorio, 54, consulente dal 2011.
L’operato di controllo del Revisore Unico si esplica, nel corso di ogni esercizio:
  • nella vigilanza sull’osservanza delle norme di legge e sul rispetto dei principi di una regolare gestione economica;
  • nell’adeguatezza della struttura amministrativo-contabile dell’Ordine, eseguendo regolari verifiche trimestrali;
  • nella verifica dei sistemi e delle procedure di rilevazione contabile dei fatti di gestione;
  • nella regolare tenuta dei libri contabili e dei dipendenti;
  • nell’esatto adempimento degli obblighi fiscali (in particolare, il regolare versamento delle ritenute d’acconto e previdenziali operate nei confronti di dipendenti e consulenti dell’Ordine).
Il Revisore Unico inoltre realizza una propria relazione in occasione dell’Assemblea di Bilancio, a complemento della Relazione effettuata dal Tesoriere sui Bilanci Consuntivo e Preventivo.
 
FATTURAZIONE ELETTRONICA
La Finanziaria 2008 (Legge 24 dicembre 2007 n.244) disciplina l'obbligo di fatturazione elettronica nei confronti della PA all'art 1, commi 209 e ss. .
L’Ordine si è adeguato a tale normativa acquistando il software per la lettura e l’accettazione/rifiuto delle fatture in formato elettronico che vengono inviate tramite il Sistema di Interscambio PA.
Ha inoltre aderito alla convenzione con la Società Aruba, proposta dal CNAPPC, per assolvere all’obbligo della conservazione delle fatture per 10 anni.
Perché scegliere un architetto